PRIMO TURNO PRELIMINARE CHAMPIONS LEAGUE 2016-17

Passivo pesante ma prestazione ottima. Tre Penne-The New Saints 0-3

E’ finita. Tre Penne-The New Saints 0-3

UEFA_Champions_League_logo_2.svg  

FERMI ALL’ULTIMO CHILOMETRO 

SERRAVALLE – Il sogno era lì. E’ stato cullato, sfiorato, toccato, desiderato ma alla fine si è dissolto. Fatali gli ultimi scapoli del primo tempo e i primi della ripresa. 3-0 anzi 0-3 non descrive quanto accaduto sul manto del San Marino Stadium. Il Tre Penne è stato sul manto, compatto e raccolto.

La disposizione tattica biancazzurra ha garantito stabilità e la giusta distanza tra i reparti. Le occasioni ci sono anche state.

Gai è il solito dispensatore di assist; si cimenta anche di testa, Agostinelli esplode dai 30 metri, troppo distante per rendere la vita complicata ad Harrison. Gli ospiti reagiscono ma azioni manovrate non si registrano. E’ Patregnani a dirigere le operazioni, con Gai e Chiaruzzi pronti a spalleggiarlo. Il binario sembra quello giusto, ma la coda del primo tempo ha in serbo il veleno. Minuto 45. In area piccola del Tre Penne accade di tutto, Quigley ha l’istinto del rapace e sorprende un’impeccabile Migani, sotto la traversa e di rara potenza: nulla da fare, 0-1. Sullo stadio scende la notte, nonostante sia il 5 Luglio e i gradi sono almeno 25.

Il goal a freddo paralizza anche l’inizio della ripresa. Il black out dura 2 minuti sufficienti a Edwards a esibirsi sempre da opportunista. Sull’angolo per nulla trascendentale, i dispositivi difensivi del Tre Penne non sono così all’unisono e il centrocampista dai piedi raffinati angola dove nemmeno superman può arrivare: Migani è battuto per la seconda volta.

Il passivo non troppo esaltante prende forma e il Tre Penne reagisce da grande squadra e da campione del campionato sammarinese qual è.

E colleziona alcune trame di livello assoluto.

Gai, Patregnani, Merendino e Palazzi salgono di cattedra e la qualità tecnica fa l’ingresso sul manto.

La verticalità di Gai è da certificare, Agostinelli parte con i tempi giusti ma il colpo rimane in canna e l’ottima chance per il gol continentale sfuma.

Non è l’ultima. Sempre Gai al centro, questa volta in veste di tiratore. Azione caterpillar del Tre Penne; Capicchioni si prende la linea di fondo e sul traversone forte e teso, Palazzi svetta ma Harrison si oppone alla grandissima: porta senza padrone e il tap-in di Gai si sgretola sull’opposizione dei dietro gallesi.

Nel finale c’è sempre il gol del New Saints come filo conduttore. La griffe è del neoentrato Draper.

Si chiude il sipario sulla settimana europea del Tre Penne: sette giorni lunghissimi, faticosissimi ma eccezionali.

Certo la ciliegina manca ma sarà per la prossima.

MC

FILM DELLA PARTITA 

TRE PENNE-THE NEW SAINTS 0-3

TRE PENNE (4-1-4-1): Migani; Capicchioni (dal 72′ Cesarini), Fraternali, Rossi, Merendino, Patregnani; Gasperoni (dal 79′ Friguglietti), Chiaruzzi (dal 52′ Calzolari), Gai, Palazzi; Agostinelli.

A disp.: Macaluso, Colonna, Lazzarini, Censoni.

All.: Protti

THE NEW SAINTS (4-1-4-1): P. Harrison; Spender (dal 76′ Pryce), Baker, Rawlinson, Marriott; Routledge; Mullan; Edwards, Brobbell (dal 88′ Seargeant), Cieslewicz; Quigley (dal 82′ Draper).

A disp.: Mullock, Williams, Parry, Saunders.

All.: C. Harrison

Arbitro: Lorenc Jemini (ALB)

Ammoniti: Capicchioni, Fraternali, Calzolari, Rawlinson e Cieslewicz

Marcatori: 45′ Quigley, 47′ Edwards e 90′ Draper