Single Blog Title

This is a single blog caption

Passaggio del turno in Coppa Titano archiviato, Tre Penne 5-0 Pennarossa

6′ giornata Coppa Titano 2017/2018

Tre Penne 5-0 Pennarossa

Tre Penne (4-3-1-2)

Migani; Cesarini, Fraternali, Merendino, Succi; Calzolari, Zafferani, Gai; Simoncelli, Martini (12’st Valli), Paganelli

A disp.: Macaluso, Rossi, Santini, Palazzi

All.: Luigi Bizzotto

Pennarossa (4-3-3)

Giuliani; Baldani (1’st Righi), Giannoni, Albani, Boschi; Podeschi, Colagiovanni, Grigore; Zandoli, Mariotti, Capozzi (27’st Sosa)

A disp.: Ugolini, Ciacci, Maccagno, Conti, Colonna

All.: Floriano Sperindio

Arbitro: Ascari

Assistenti: Zanotti- Mineo

Ammoniti: 16’pt Grigore (P), 37’pt Succi (TP)

Marcatori: 2’pt, 20’st Paganelli, 33’pt rig. e 34’st Simoncelli, 44’pt Gai

DOMAGNANO- Si gioca la sesta giornata di Coppa Titano del girone D tra Tre Penne e Pennarossa, ai biancazzurri serve una vittoria per passare il turno come primi ed accedere ai play-off. Si parte subito forte, dopo 1′ minuto il Tre Penne trova il vantaggio con Paganelli servito ottimamente da Gai. Partita a senso unico con il club di Città che trova anche il raddoppio: punizione di Simoncelli che serve Martini atterrato in area di rigore dal portiere avversario, per Ascari è calcio di rigore: dagli undici metri si presente Michele Simoncelli che non sbaglia mandando palla da un lato e portiere dall’altro. Al 44′ arriva anche il tris, Giuliani rinvia male, palla che arriva a Gai che alza la testa e vede la porta sguarnita segnano da quasi metà campo. Nella ripresa il Tre Penne mette la parola fine a tutte le ostilità con altri due gol prima al 20′: palla ad allargare di Gai per Succi che serve Paganelli, il quale da due passi deve solo insaccare; poi al 33′ sempre da un’invenzione di Nicola Gai che serve Simoncelli che a tu per tu con il numero uno avversario segna di sinistro. Triplice fischio senza recupero e Tre Penne che stabilisce anche un nuovo record con 13 vittorie consecutive in Coppa superando le 12 del Domagnano.

Addetto stampa

Matteo Pascucci